L’articolo 18 non è l’ostacolo che impedisce la ripresa economica dell’Italia. Modificarlo nel modo proposto dal Governo Monti significa solo ridurre i diritti dei lavoratori e voler marginalizzare il ruolo del sindacato”. Lo affermano in una nota congiunta i consiglieri regionali del Partito Democratico Thomas Casadei e Antonio Mumolo.

“Sul tema del lavoro ogni opinione è legittima – dicono i consiglieri – ma non si possono dire cose false per giustificare un provvedimento che nulla ha a che fare con la crisi economica. Apprendiamo oggi che il Governo, a fronte del sostanziale depotenziamento dall’art. 18, proporrebbe due interventi migliorativi delle tutele esistenti e cioè:

1) l’estensione alle imprese sotto i 16 dipendenti dell’istituto della reintegra in ipotesi di licenziamento discriminatorio;
2) la previsione secondo cui i contratti a tempo determinato non potranno essere reiterati per più di 36 mesi, convertendosi, oltre tale limite temporale, in contratti a tempo indeterminato.”

“Una cosa balza agli occhi – sottolineano Casadei e Mumolo – queste norme esistono già nel nostro ordinamento! Infatti l’art. 3 della legge 108/90 già prevede che: “Il licenziamento determinato da ragioni discriminatorie (…) è nullo indipendentemente dalla motivazione addotta e comporta, quale che sia il numero dei dipendenti occupati dal datore di lavoro, le conseguenze previste dall’art. 18 della legge 20 maggio 1970, n. 300”. Inoltre l’art. 5 comma 4 bis del Dlgs. 368/01 già prevede che: “qualora per effetto di successione di contratti a termine per lo svolgimento di mansioni equivalenti il rapporto di lavoro tra lo stesso datore di lavoro e lo stesso lavoratore abbia complessivamente superato i 36 mesi comprensivi di proroghe e rinnovi, indipendentemente dai periodi di interruzione che intercorrono tra un contratto ed un altro, il rapporto di lavoro si considera a tempo indeterminato”

“Il tema dell’articolo 18 – proseguono i consiglieri – continua ad essere trattato con grande approssimazione e nei cittadini si sta creando la falsa impressione che in Italia sia pressoché impossibile licenziare, come se questo, peraltro, fosse il modo per superare la crisi: una illusione fondata su un clamoroso errore. Occorre ripeterlo ancora una volta: l’articolo 18 è solo una norma che sanziona il comportamento illegittimo del datore di lavoro, e cioè di aver licenziato senza giusta causa o giustificato motivo. Una illegittimità, ribadiamolo, che deve essere accertata dalla magistratura. Il licenziamento per motivi economici, ivnece, esiste già in Italia dal 1966 ed è in particolare previsto dall’art. 3 della legge 604/1966 che recita: “Il licenziamento per giustificato motivo con preavviso è determinato da un notevole inadempimento degli obblighi contrattuali del prestatore di lavoro ovvero da ragioni inerenti all’attività produttiva, all’organizzazione del lavoro e al regolare funzionamento di essa.”

“Per questo – concludono Casadei e Mumolo – invitiamo il Partito Democratico a lavorare perché la discussione non resti incagliata ad una ragione pretestuosa e a non sostenere un provvedimento sbagliato nei contenuti e portato avanti con metodi sbagliati. Non si può cedere e concordiamo pienamente con il responsabile. del Forum Lavoro del PD di Bologna Stefano Borgatti. Già con le pensioni si è fatto uno sforzo straordinario, approvando punti che non si condividevano: questa volta non si può davvero. La priorità per il paese è attivare politiche economiche che rafforzino uno sviluppo di qualità e valorizzino il lavoro, con metodi e forme di concertazione che non possono essere accantonate: lo sostenevamo quando governavano Berlusconi e Sacconi, lo sosteniamo con la stessa convinzione oggi”.

Share This