epidurale“L’anestesia epidurale va garantita a tutte le partorienti che ne facciano richiesta”. È quanto sollecita Antonio Mumolo (Pd) in un’interrogazione presentata alla Giunta regionale per sapere se non intenda fin da subito agire in tal senso presso le Ausl dell’Emilia-Romagna.

“Quella di Bologna – sostiene Mumolo, riportando quanto emerso sulla stampa in questi giorni – sarebbe l’unica Ausl della regione a non prevedere la gratuità dell’anestesia epidurale per le donne tra i 26 e i 38 anni. “Il costo della pratica, comprendendo anche il colloquio oneroso con l’anestesista, supera i 1.000 euro, cifra che esclude – sottolinea – la possibilità di accesso universale a tale pratica per molte donne che invece vorrebbero sottoporvisi”.

“La possibilità di lenire e abbattere il dolore fisiologico connesso al parto è una importante conquista e un diritto”, ribadisce Mumolo a sostegno della sua richiesta. Pertanto, a suo avviso, “non esistono motivazioni economiche che possano giustificare queste differenze sul territorio regionale”, né tantomeno elevare questa pratica a “privilegio che non tutte si possono permettere”.

ALLEGATO
5366 Interrogazione a risposta scritta circa le azioni da attuare per garantire, presso le AUSL regionali, l’accesso gratuito alla anestesia epidurale a tutte le partorienti che lo richiedano. A firma del Consigliere: Mumolo

Share This