Schermata-05-2456426-alle-14.47.59-150x150(DIRE) Parma, 13 mag. – Con l’inaugurazione di quella di Parma, le sedi dell’associazione onlus “Avvocato di Strada” diventan 32 in tutta Italia, di cui 7 solo in Emilia-Romagna (Bologna, Modena, Ferrara, Reggio Emilia, Piacenza, Ravenna e appunto Parma). Avvocato di Strada si occupa di fornire ai senza tetto assistenza legale gratuita e qualificata in ogni campo: dal civile al penale o amministrativo. Inoltre, ogni sede della onlus si inserisce in una rete di servizi di assistenza che ha come obiettivo tutelare queste persone a 360 gradi. A Parma, dunque, chi necessita’ di questo tipo di servizi potra’ utilizzare la sede dell’associazione come punto di riferimento anche per contattarne altre di volontariato o i servizi sociali. E questo avviene anche nelle altre citta’ d’Italia.

“A Parma mancava un servizio del genere- racconta Serena Piro, che si occupera’ delle nuova sede emiliana- quando siamo venuti a sapere che le presenze nei dormitori e le richieste di pasti caldi erano in aumento negli ultimi tempi, abbiamo pensato fosse il caso di aprire una sede anche qui”.

Nel 2012 Avvocato di Strada ha difeso piu’ di 2.500 persone sul territorio nazionale, e il 45% delle pratiche sono state inerenti al diritto dei migranti. Quelle di diritto civile, invece, l’anno scorso sono state quasi 900, ovvero circa il 34% del totale. Antonio Mumolo, presidente dell’associazione, parla di queste ultime: “Nel civile, la questione maggiore riguarda il diritto alla residenza, che si trascina dietro anche tutta una serie di diritti collegati”. Mumolo spiega che quando una persona perde la casa, immediatamente il Comune di appartenenza lo elimina dalle liste anagrafiche. La conseguenza e’ che la persona, oltre alla casa e alla residenza, finisce per perdere altri diritti tra cui quelli previdenziali e politici. “Capita che anziani vengano nelle nostre sedi – racconta Mumolo – lamentando il fatto che la pensione non arriva piu’. Il problema, pero’, in realta’ e’ legato alla residenza”. Infatti, ogni Comune dovrebbe dotarsi per legge di indirizzi residenziali inesistenti al quale iscrivere tutti i senza dimora, evitando di cancellarli dalle liste anagrafiche e assicurando loro il mantenimento di tutti i diritti previdenziali. “Ma spesso i Comuni non lo fanno, pensando forse di risparmiare sui costi di gestione dei servizi”.

E qui entra in ballo Avvocato di Strada, che si assicura che i diritti legali dei senza tetto vengano ripristinati. Il tutto, come detto, gratuitamente per i “clienti” e senza retribuzione per i professionisti che si mettono a disposizione della onlus volontariamente, senza percepirne nessun guadagno. Dunque, quando un avvocato vince una causa, dopo aver coperto i costi delle spese legali del processo, devolve all’associazione i proventi che rimagono.
(Dires – Redattore Sociale)

FOTO. Le foto della conferenza stampa di presentazione

VIDEO. Il servizio di TV Parma

13.05.13 Gazzetta di Parma. “Avvocato di strada: il legale gratis per i più bisognosi”
Antonio Mumolo: “Ogni persona deve avere il diritto di essere difesa”

2013051224618616

13.05.13 Parma Today: “Un legale per tutelare i senzatetto

Parma Today: "Un legale per tutelare i senzatetto: nasce a Parma lo sportello di Avvocato di strada on…

Share This