Il consiglio comunale di Bologna ha approvato un ordine del giorno che invita il sindaco a sollecitare la presidenza della regione Emilia Romagna perchè vengano annullati gli effetti che avrebbe l’approvazione alla camera dei deputati dell’emendamento che impone l’obbligo di denuncia dei cittadini irregolari che si rivolgono alle strutture sanitarie. Durante la seduta del consiglio comunale è intervenuto Antonio Mumolo, il cui intervento è riportato sotto.

……….

L’ordine del giorno

Il Consiglio comunale del Comune di  Bologna

Considerato che il 5 febbraio scorso il Senato ha approvato il DDL sulla Sicurezza Pubblica nel cui disposto è previsto, per effetto dell’approvazione di un emendamento proposto dalla Lega Nord, l’obbligo giuridico da parte dei medici del Servizio Sanitario Nazionale di denunciare gli immigrati irregolari che si rivolgono alle strutture per sottoporsi ad accertamenti o per richiedere cure urgenti;

Preso atto che la Giunta regionale, in seguito ad una informativa posta dall’Assessore Bissoni, il 9 febbraio scorso ha iniziato la discussione sulla norma  in questione, prendendo in esame le gravi conseguenze per la salute personale e pubblica che potrebbero derivare dalla soppressione della vigente tutela nei confronti degli stranieri che si rivolgono alle strutture sanitarie pubbliche;

Ritenendo che questa norma introduca serie limitazioni alla buona pratica della prevenzione per la salute sia personale che pubblica, inducendo gli immigrati clandestini a non sottoporsi ad accertamenti anche in caso di malattie trasmissibili o contagiose;

Richiamato il proprio Ordine del Giorno n.63 del 10 febbraio 2009 per invitare la Camera dei Deputati a rivedere il testo del Decreto 733

Invita il Sindaco di Bologna, quale Massima Autorità Sanitaria cittadina,

a sollecitare la Presidenza della Regione Emilia Romagna, ove la norma di cui sopra fosse approvata in via definitiva, ad adottare ogni tipo di provvedimento idoneo ad annullarne gli effetti, ivi compreso il ricorso alla Corte Costituzionale.

F.to: Valerio  Monteventi,  Sergio Lo Giudice, Antonio Mumolo, Corrado Melega, Leonardo Luis Barcelò Lizana, Roberto Panzacchi, Giovanni De Rose,  Roberto Sconciaforni,  Paolo Serra,  Giuseppe Pinelli, Giovanni Mazzanti,  Milena Naldi, Gian Guido Naldi, Claudio Merighi, Serafino D’Onofrio, Paolo Natali.

APPROVATO con 21 voti favorevoli (SINDACO – P.D. – S.D. – VERDI – AN-PDL – MISTO)
2 astenuti (TUA.BO – FI.PDL),assenti (RIF.CO – SO.CIV)

……….

L’intervento di Antonio Mumolo durante la seduta

Grazie Presidente. Non è la prima volta che questo Consiglio si occupa di questa norma. Ce ne siamo già occupati con un ordine del giorno che è stato proposto dal Consigliere Melega e che è stato approvato da questo Consiglio Comunale sullo stesso tema. Il problema è che nonostante ordini del giorno che sono stati approvati in tantissimi Consigli Comunali in Italia, nonostante la presa di posizione di tutti gli ordini dei medici, nonostante la presa di posizione di tantissime associazioni laiche e cattoliche che si sono espresse contro questa norma, che potrebbe essere definita in tanti modi, non c’è stato alcun segnale di attenzione da parte del governo e tra qualche giorno alla Camera si discuterà del cosiddetto decreto sicurezza; si dice anzi che sarà richiesta la fiducia su questo decreto, per approvarlo così come è uscito dal Senato.

E allora le varie associazioni di volontariato che si sono occupate di questo tema, hanno organizzato una giornata di protesta. La giornata di protesta è domani, 17 marzo 2009, in tutta Italia, a Roma come a Bologna, come in tantissime altre città, data in cui si manifesterà affinché questa norma venga stralciata dal cosiddetto decreto sicurezza.
Tra le tante cose che si sono dette rispetto a questo decreto una in particolare, quella che ha detto il Ministro Maroni, merita qualche risposta, perché il Ministro Maroni ha dichiarato pubblicamente che questa norma di cui discutiamo non comporterebbe l’obbligo di denuncia per i medici ma comporterebbe semplicemente una facoltà, una possibilità di denuncia. Siccome questa cosa l’ho sentita dire a moltissime persone, e ritengo ci sia un po’ di confusione sul punto, forse è opportuno fornire qualche chiarimento anche in questo Consiglio.

Noi sappiamo che medici e infermieri sono qualificabili come pubblici ufficiali o quantomeno incaricati di pubblico servizio. Qualifica che viene ricoperta anche dal personale paramedico, infermieri, operatori tecnici addetti all’assistenza con rapporto diretto e personale con il malato. Questo è un aspetto fondamentale rispetto al tema di cui discutiamo; infatti l’obbligo di denuncia, ossia di portare a conoscenza dell’autorità giudiziaria fatti aventi rilevanza penale, incombe sul pubblico ufficiale o sull’incaricato di pubblico servizio che venga a conoscenza di una notizia di reato nell’esercizio o a causa delle sue funzioni. Lo prevedono l’articolo 361 e l’articolo 362 del Codice penale e l’articolo 331 del Codice di procedura penale.

Questo cosa significa? Significa che nel momento in cui un incaricato di pubblico servizio viene a conoscenza di una reato non è facoltizzato a denunciare quel reato, ma è obbligato a denunciare quel reato.

Se il decreto sicurezza avesse comportato semplicemente l’abrogazione della norma del testo unico sull’immigrazione che vietava ai medici di denunciare gli immigrati privi di permesso di soggiorno, ci saremmo trovati di fronte ad una legge incivile, dal mio punto di vista, che però non avrebbe obbligato i medici e gli infermieri alla denuncia. In realtà nel decreto sicurezza, oltre all’abrogazione della norma prevista dal testo unico, c’è una ulteriore norma che è quella che introduce una nuova fattispecie di reato che è il reato dell’immigrazione clandestina. A questo punto cosa succede? Il combinato disposto di queste due novelle piuttosto che facoltizzare la denuncia, come surrettiziamente lasciato credere dagli estensori del decreto, rende obbligatoria la denuncia stessa perché il medico e gli infermieri sono incaricati di pubblico servizio.
Nel momento in cui vengono a conoscenza del reato, cioè arriva una persona priva di permesso di soggiorno o semplicemente che chiede il tesserino STP, cioè il tesserino che viene dato allo straniero temporaneamente presente (nel momento in cui si richiede l’STP ci si autodenuncia cioè si dice che non si hanno i documenti, non si ha il permesso di soggiorno) devono denunciare l’autore del reato.
Visto che si tratta di un obbligo, cosa succede se il personale paramedico o i medici in quanto incaricati di pubblico servizio non procedono alla denuncia? Chi non procede alla denuncia rischia a sua volta di essere denunciato per omissione, secondo quanto previsto dagli articoli 361 e 362 del Codice penale. E tra l’altro mentre il medico che concretamente opera e assiste il paziente potrebbe sostenere di non sapere della condizione di clandestinità del suo paziente, il personale paramedico che opera l’iscrizione dei dati del paziente all’ingresso della struttura sanitaria non può sconoscere le condizioni personali di chi non fornisca documenti abilitativi alla permanenza sul territorio dello Stato. E questo ovviamente imporrebbe al personale paramedico la denuncia.
Quali sono le sanzioni? Il pubblico ufficiale è attualmente punito con la multa da 30 a 516 Euro; l’incaricato di pubblico servizio con una multa da 2 a 103 Euro. L’importo delle multe viene tra l’altro innalzato proprio da questo decreto sicurezza. Ma il problema non è tanto la sanzione pecuniaria perché una persona si potrebbe anche volutamente sottoporre a tale la sanzione per compiere un atto di disobbedienza civile.
Maggiore preoccupazione destano le pene accessorie che, ai sensi degli articoli 28 e 31 del Codice penale, conseguono a delitti commessi in violazione a doveri inerenti la pubblica funzione o il pubblico servizio.
Per cui anche in caso di condanna alla sola pena pecuniaria, si potrebbe arrivare all’interdizione temporanea dai pubblici uffici delle persone condannate e l’interdizione temporanea diventerebbe una pena ben più grave e ben più pesante per tutti coloro che decideranno di non denunciare le persone prive di permesso di soggiorno che si presenteranno negli ospedali.
Questa è la situazione drammatica in cui questa norma farà trovare tutti coloro che esercitano la professione di medico e di paramedico. È una situazione paradossale perché, come diceva l’altra volta il collega Melega, riguarda non solamente gli stranieri ma riguarda tutte le persone, tutti i cittadini. Perché tutti i cittadini, italiani e non, saranno soggetti, ove questa norma venisse approvata e applicata, a rischio di epidemia. Immaginate quanti focolai nuovi di tubercolosi, di HIV, di malattie infettive come anche l’epatite, ci potranno essere in futuro se questa norma dovesse essere applicata. E guardate che un esempio lo abbiamo avuto già nei giorni scorsi. E’ uscita su tutti i giornali la notizia di una persona ammalata di tubercolosi, a Bari, che non è andata a farsi curare perché, priva di permesso di soggiorno, temeva che questa norma fosse già entrata in vigore, quindi temeva di essere identificata; questa persona è morta. Non sappiamo se, in quella situazione, si sia sviluppato un focolaio di epidemia e se ci sono altre persone in questo momento che hanno contratto la tubercolosi. Noi ci troveremmo in queste situazioni.

Dico questo perché ritengo che su un tema del genere, sul quale tra l’altro si sono pronunciati anche esponenti dell’attuale maggioranza come il Presidente Fini, l’onorevole Giovanardi e diversi altri, dovremmo esprimerci lasciando da parte le appartenenze politiche. Per questo chiedo all’opposizione, o quantomeno alle persone che sono presenti in aula dell’opposizione, che questo ordine del giorno sia votato da tutti perché credo che sia importante lanciare un segnale al Governo. Questo segnale viene lanciato anche alla Regione Emilia Romagna che ha la possibilità, nel caso in cui questa norma fosse approvata, di adire direttamente la Corte Costituzionale eccependo l’incostituzionalità della norma, mentre normalmente l’eccezione di anticostituzionalità può essere sollevata solamente nel momento in cui c’è un processo in corso.

Per cui chiedo a tutti coloro che sono presenti in questo Consiglio Comunale, anche tra i banchi dell’opposizione, di approvare questo ordine del giorno per dare un segnale forte rispetto alla pericolosità che questa norma comporta per tutti quanti cittadini. Grazie.

Antonio Mumolo

Share This